VI congresso di Nessuno Tocchi Caino, il mio intervento

Nel corso del VI Congresso di “Nessuno Tocchi Caino”, tenutosi presso la Casa circondariale di Opera a Milano lo scorso 18 e 19 dicembre, ho avuto modo di intervenire su quello che sarà il mio prossimo docufilm “Spes contra Spem – Liberi dentro”.

Ero titubante sulla realizzazione di questo docufilm, perché non riuscivo visivamente ad estrapolare le anime delle persone che vivono in queste mura.

Il mondo esterno vede e sente la parola “ergastolo” come un pregiudizio a prescindere.

Parlandone con gli amici di “Nessuno tocchi Caino”, Sergio D’Elia, Elisabetta Zamparutti e Rita Bernardini. ho espresso i miei dubbi relativi alla realizzazione di questo progetto. Loro mi hanno aiutato a capire ed ho scelto di accettare la sfida.

Oggi mi sento più ricco, più forte e pieno di speranza perché mi è stata data la forza del cambiamento.

Durante mio discorso davanti ai reclusi e alla polizia penitenziaria del carcere di Opera, ho potuto esprimere la mia emozione vedendo e constatando il percorso di cambiamento che si sta attuando.

In questo carcere, c’è un un clima positivo di assistenza; la Polizia penitenziaria, attraverso il grande impegno del direttore Giacinto Siciliano, sta svolgendo un percorso di “attivazione della vita” in cui il detenuto non è chiuso, è lo sviluppo e l’attuazione di un cammino.

Questo progetto deve essere un modello, e con il docufilm la mia aspirazione sarà quella di cercare di uscire dalle quattro mura, perchè solo così sarà possibile far cambiare idea e abbattere i pregiudizi nel mondo che sta al di fuori.

Con il progetto che intendo realizzare “Spes contra Spem – Liberi dentro” cercheremo e farò di tutto, userò tutta la mia forza, perché i detenuti riabilitati possono essere un cambiamento per i giovani ragazzi, loro possono  trasferire il messaggio “quello che ho fatto io, non farlo tu”.

 GUARDA IL VIDEO 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember meLost your password?

Lost Password