TORNA IL RIFF, PER LA RINASCITA DEL CINEMA ITALIANO. C’È ANCHE IL TORTORA DI AMBROGIO CRESPI – VIDEO

Enzo Tortora

Ieri, ho partecipato alla conferenza stampa per la presentazione del Riff festival. RomaCapitaleNews ha realizzato un servizio video sull’evento in cui si parla dei film in concorso nella tredicesima edizione dell’importante rassegna romana del cinema indipendente. Nella sezione documentari c’è Anche “Enzo Tortora, una ferita italiana”.

Di Dimitri Buffa – Pronti via, si parte. Da domenica al cinema Nuovo Aquila a Roma inizia la tredicesima edizione del Riff festival, la rassegna romana ormai tradizionale del cinema indipendente, giunta quest’anno alla consacrazione definitiva. “Che si spera porti fortuna a noi e al nuovo cinema italiano” come spiega il direttore artistico Fabrizio Ferrari.

Ferrari illustra per filo e per segno la rassegna che annovera 108 titoli in assoluta prima italiana ed europea e “uno anche in prima mondiale”. Ricca come al solito il parterre di attori illustri da Serio Rubini a Margherita Buy. E ricca anche la sezione documentaristica con in concorso “Enzo Tortora, una ferita italiana” del regista Ambrogio Crespi, prodotto dal Gruppo Datamedia, che sarà proiettato giovedì 20 marzo alle ore 19 in sala 1. Quest’anno anche il cinema degli indipendenti “assapora la rivincita del cinema italiano”, per usare le parole di una domanda di De Paoli a Ferrari, con evidente riferimento al trionfo de “La Grande bellezza” di Paolo Sorrentino nella notte degli Oscar. Ferrari nella risposta puntualizza che “in realtà questa ripresa sarebbe in atto sin dal 2010” e che solo ora se ne starebbero cogliendo i frutti più saporiti.

Tra i film lungometraggi presenti nel Riff particolare interesse e attesa c’è per “The Stalker” di Giorgio Amato, pellicola di evidente attualità. Amato in conferenza stampa aveva detto quanto tempo aveva dovuto tenersi il progetto nel cassetto fino a quando non aveva trovato un produttore indipendente, e soprattutto intelligente, che aveva accettato la sua singolare sceneggiatura in blocco. E la sceneggiatura presenta l’originalità di descrivere e far filmare l’angoscia per lo stalking partendo dalla mente malata di ossessione proprio del carnefice e non da quella della vittima. “The stalker”, per la cronaca, sarà proiettato sabato 22 marzo alle 22 e 20 sempre in sala 1. Insomma una rassegna da non perdere, come al solito al cinema Nuovo Aquila nel quartiere della movida romana, il Pigneto, in via L’Aquila 66.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember meLost your password?

Lost Password