IL TEMPO: CRESPI AL RIFF CON IL FILM SUL CASO TORTORA

Rifiutato al Festival di Roma il film «Enzo Tortora – Una ferita italiana» non ha fermato la sua corsa nelle rassegne e nelle sale.

«Dopo le presentazioni in una università inglese, in quella di Agrigento, alla Bocconi di Milano e al Parlamento europeo, con Scuria, stasera il mio film sarà al Nuovo Cinema Aquila in concorso al Riff con altri 11 documentari nazionali – ha detto il regista Ambrogio Crespi – Ovunque ho riscosso successi ed emozione soprattutto dai ragazzi, futuri giudici che dicevano: “non faremo mai gli stessi errori”. I giovani sono interressati al caso Tortora perché gli errori giudiziari sono all’ordine del giorno e vengono fuori sempre più spesso, come su errorigiudiziari.com. Ci sono persone che hanno fatto la galera inutilmente: un tizio è stato arrestato solo perché non riuscivano a capire il suo dialetto. C’è da avere paura, occorre stare a fianco della buona giustizia e lottare contro la mala giustizia. Le noste carceri non sono idonee e, di recente, la Gran Bretagna ha detto stop all’estradizione e si è rifiutata di mandare in Italia un detenuto perché nelle nostre prigioni ci sono trattamenti inumani. Tortora ha lottato contro il carcere preventivo e dopo 30 anni ancora non ne usciamo fuori. Spero che il mio film solleciti il miglioramento della giustizia».

Fonte Il Tempo

Login

Welcome! Login in to your account

Remember meLost your password?

Lost Password