FESTIVAL ROMA, SCOPELLITI: RAI LO CACCIA ANCHE DA MORTO

“Mi sono sempre chiesta perche’ la Rai, che elargisce giustamente ricordi e commemorazioni per quegli artisti che vi hanno lavorato, facesse tanta fatica a ricordare Enzo Tortora”, dichiara Francesca Scopelliti, ex senatrice e compagna di Enzo Tortora, commentando la notizia dell’esclusione del documentario “Tortora, una ferita italiana” di Ambrogio Crespi, dal Festival internazionale del film di Roma. “Una fatica che oggi – con la dichiarata volonta’ di non portare al Festival del Cinema di Roma il docufilm realizzato da Ambrogio Crespi con al collaborazione della Fondazione per la giustizia Enzo Tortora, in cui e’ lo stesso Enzo a raccontare la vergogna di quell’inchiesta napoletana – arriva al culmine della intolleranza”, aggiunge.

“Tortora e’ stato un grande giornalista, una punta di eccellenza per il servizio pubblico, un innovatore dell’informazione televisiva, ma e’ stato anche protagonista di una vergognosa pagina di malagiustizia italiana, prima, e di una nobile battaglia per la giustizia giusta, poi: e’ triste e desolante dover constatare che la sua storia spaventi cosi’ tanto la Rai da “cacciarlo” via anche da morto. Ma credo che sarebbe Enzo stesso a non voler tornare in questa Rai”, conclude Scopelliti.

Fonte: Ansa

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember meLost your password?

Lost Password