CMNEWS: DIAMANTE (CS), ESTATE CON IL PD. SI DISCUTERA’ DEL “CASO TORTORA”, MAGORNO “VICENDA IMPORTANTE, DRAMMATICA ED ESEMPLARE”

Un’altra importante vicenda della storia italiana recente sarà al centro del terzo appuntamento di “Estate con il Pd”, l’iniziativa che si svolgerà per tutto il mese di agosto a Diamante organizzata dal Circolo Pd “Francesco Principe” di Diamante. Dopo il caso Moro, infatti, lunedì 11 agosto alle ore 21,30, presso il Lungomare Mancini di Diamante (altezza Palazzo di Città) si terrà la proiezione del film “Enzo Tortora, una ferita italiana” cui seguirà un ampio dibattito. Il programma della serata prevede i saluti iniziali del vicesindaco di Diamante Francesca Anna Casella. Luigi Cavalcanti dei Giovani Democratici di Diamante introdurrà i temi del dibattito. Interverranno quindi: Luigi Guglielmelli, segretario della federazione provinciale di Cosenza; Walter Verini, Capogruppo Pd Commissione Giustizia della Camera dei Deputati; Cosimo Ferri, Sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia; Ambrogio Crespi, regista del film. Modererà gli interventi e introdurrà i temi del dibattito il giornalista Attilio Sabato. Nelle note di presentazione del film si legge: << A trenta anni dall’arresto di Enzo Tortora e dalla infame passerella mediatica che fu costretto a subire, e a venticinque dalla sua tragica morte, questo docufilm rappresenta un tentativo di riaccendere la memoria su un caso che mise la politica dell’epoca con le spalle al muro rispetto alle responsabilità della giustizia italiana. Abbiamo domandato ai protagonisti di questo docufilm: “Dopo 30 anni, cosa è cambiato?”. E siamo riusciti a rievocare il dramma di un uomo perbene >>. Scrive Crespi nelle note di Regia: << Il caso Tortora è una ferita ancora aperta, troppo spesso una bandiera sventolata sulle barricate degli opposti schieramenti. A trent’anni dal suo arresto e venticinque dalla sua morte è necessario ricostruire, attraverso i protagonisti e testimoni, una vicenda che è un archetipo tutto italiano sia da un punto di vista umano sia storico >>. Sull’iniziativa il segretario Regionale del Pd e deputato membro della commissione Giustizia della Camera, Ernesto Magorno, dichiara: << L’iniziativa che si svolgerà a Diamante ha realmente una grande valenza, perché si affronta una vicenda importante, drammatica ed esemplare delle nostra storia recente. Enzo Tortora, come ho già detto, fu colpito dalla “malagiustizia” per poi essere riabilitato dalla “buona giustizia”. E’ giusto che soprattutto i giovani conoscano questa storia, anche e soprattutto per far si che vicende come quella di Enzo Tortora non si ripetano più >>. Il responsabile organizzativo di “Estate con il Pd” e segretario dei GD Diamante presenta così la serata: << Nello scorso appuntamento abbiamo vissuto una bellissima ed emozionante serata, che ha avuto oltretutto uno straordinario seguito di pubblico, grazie allo straordinario e coinvolgente racconto, a tratti inquietante, della vicenda del rapimento e dell’uccisione di Aldo Moro, fatto dal Vicepresidente del Gruppo PD alla Camera dei Deputati, Gero Grassi. A lui con il sostegno del gruppo parlamentare Pd si deve un impegnativo e determinato lavoro di ricostruzione della verità sui 55 giorni di prigionia di Moro: i giorni più bui della “Notte della repubblica”, sui quali si registrano tanti misteri tante incongruenze rispetto alle verità ufficiali. L’incredibile vicenda giudiziaria di Enzo Tortora – prosegue Settembre – è un’altra storia italiana che ha segnato profondamente la storia del nostro Paese ed è giusto definirla “una ferita aperta”. Noi l’11, grazie al film di Crespi, cercheremo di capire come si produsse un clamoroso caso di ingiustizia e ne discuteremo assieme ad importanti ospiti che ringraziamo di aver accettato il nostro invito a Diamante >>.

<< L’iniziativa che si svolgerà a Diamante ha realmente una grande valenza, perché si affronta una vicenda importante, drammatica ed esemplare della nostra storia recente. Enzo Tortora, come ho già detto, fu colpito dalla “malagiustizia” per poi essere riabilitato dalla “buona giustizia”. E’ giusto che soprattutto i giovani conoscano questa storia, anche e soprattutto per far si che vicende come quella di Enzo Tortora non si ripetano più >>.

Continua a leggere su CMNews

Login

Welcome! Login in to your account

Remember meLost your password?

Lost Password